Mary Rider, la pornostar più “spicy”

Abbiamo avuto il grande piacere di incontrare Mary Rider a Bologna, prima di un suo spettacolo al Carosello (uno dei locali più importanti e più belli in Italia). Con entusiasmo ha posato per noi per qualche scatto inedito davvero hot ed abbiamo colto l’occasione per intervistarla. Ecco dunque a voi la nostra seconda covergirl del 2017 (dopo Dana Santo)!

Ciao Mary, benvenuta sulle pagine di BE! Sexy. Prima volta da queste parti?! Che idea ti sei fatta dei bolognesi?
Bologna ed i bolognesi mi piacciono tantissimo. Non è qualunquismo e non parlo per stereotipi. In ogni angolo della città ho sempre respirato un profumo di buono e di gente che apprezza il gusto della vita in ogni sua sfaccettatura. Conoscevo già Bologna come città, come artista è la prima volta… ma ce ne saranno molte altre!

Quando e come è avvenuto l’incontro tra il mondo del porno e te?
Ho cominciato appena tre anni fa per dare voce alla mia femminilità ed al mio esibizionismo rimasti latenti nella ordinarietà della vita quotidiana di una giornalista in carriera troppo impegnata a seguire la notizia e trovare lo scoop per lasciare spazio a qualcosa che non fosse il lavoro. La prima volta che ho fatto sul serio è stato in Italian Boot Camp per la regia di Rocco Siffredi.

A quale persona (o persone) hai confidato di voler fare la pornostar quando hai iniziato? Come l’ha presa? E quale è stata la reazione delle persone a te vicine?
Non l’ho “confidato” a nessuno perchè tra gli amici della Mary di prima non credevo e non credo ci sia qualcuno in grado di capire la mia scelta. Ne ho parlato lungamente con Eric, il mio compagno di vita e di scena, perchè abbiamo intrapreso assieme questo percorso ed assieme abbiamo valutato tutti i risvolti che avrebbero investito la nostra esistenza e… ne siamo stati entrambi entusiasti! Nel bene o nel male, abbiamo fatto una scelta matura e consapevole e non ce ne pentiamo. Qualche amico ha avuto da ridire, qualcun altro si è defilato senza una parola perché non condivide la mia decisione. Non si trattava di veri amici. E comunque io vado avanti per la mia strada.

Rifaresti la scelta che hai fatto?
La rifarei mille volte e più. Lo dico con fermezza ed orgoglio, oltre che con convinzione. Come con convinzione affermo che non vorrei anticipare o posticipare di un istante il momento della svolta. Sono convinta che nulla accada per caso. E che cambiare direzione “nel mezzo del cammin di nostra vita” mi abbia dato quella spinta in più che altrimenti mi sarebbe mancata per trovare ogni giorno motivazioni nuove che mi stimolino e spronino in un percorso artistico e professionale sempre in salita.

Perché?
Perchè non sono solo un personaggio, un’artista singolo che cavalca l’onda della gioventù per attirare su di sé l’attenzione degli amanti dell’adult entertainment sperando che duri il più possibile. Io e Capitano Eric assieme a Luna Dark ed Alabor abbiamo fondato e portiamo avanti la casa di produzione SpicyLab che per i ritmi di produzione e l’originalità dei contenuti ambisce a tener testa ai grandi nomi del panorama internazionale.

Allora pensi che sia vero amore tra te e il porno? Possiamo dire… soddisfazioni a tutto tondo… a 360 gradi? Raccontaci tutto per bene, dai, siamo curiosi!
Soddisfazione a 720°. Vivo immersa in questo mondo tutti i giorni della mia vita e ne sono sempre più entusiasta. Ho la possibilità di confrontarmi sempre con nuove persone e punti di vista, mi sperimento con le forme di comunicazione più disparate e trovo una valvola di sfogo per tutte le mie fantasie erotiche e non. Dalla fotografia alla sceneggiatura passando per la progettazione di nuovi eventi e lo studio di ambiziose collaborazioni, ogni giorno si trasforma in un brulichio di idee e progetti che mi assorbono totalmente. Ho bisogno che le ore si allunghino o i giorni abbiano 48 ore… facciamo una domanda in carta da bollo a chi gestisce la rivoluzione terrestre per chiedere un rallentamento della rotazione della terra? 🙂

Hai un modello di riferimento artistico nel porno? Ti sei mai ispirata a qualche icona sexy del passato? E attualmente chi stimi tra le pornostar e tra i porno attori?

Ho stima ed ammirazione per molti personaggi “pubblici” nel mondo dell’erotismo e della pornografia a cui di volta in volta mi ispiro per affrontare situazioni ed attimi della mia vita artistica ma non ho un riferimento artistico in assoluto. Soprattutto all’inizio ho seguito i consigli di Valentina Nappi, che mi piace per la sincerità e la determinazione con cui sta portando avanti con successo e professionalità la sua scelta, che è anche la mia. Ma cerco di creare una mia originalità con caratteristiche specifiche legate al mio personaggio. Io sono Mary e voglio piacere per la mia naturalità e voglia di erotismo.

Hai già girato tanti film porno, ce n’è uno o più di uno al quale o ai quali sei particolarmente legata? E perché?
Il mio preferito in assoluto è Dick Rider assieme a Capitano Eric per la regia di Francesco Mozart, quando ho realizzato la mia fantasia erotica più urgente: fare sesso su una moto. E’ stata una esperienza molto intensa e acrobatica! Ma il film a cui sono più legata è la serie ispirata al personaggio di Lady Ladà, una “eroina del cazzo” che con il suo erotismo risolve i problemi del mondo. Mi dicono tutti che assomiglio ad un cartone animato ed ecco il primo porno manga all’italiana!

In giro per l’Italia e soprattutto all’estero fai tanti spettacoli in locali e fiere erotiche… qual è il tuo rapporto con i fan? Cosa provi quando ti esibisci? Meglio girare i film o meglio fare spettacoli per te?
Girare un film ed esibirmi su un palco in uno spettacolo hard o con una coreografia ideata da me sono emozioni intense e differenti che mi trasmettono una forte scarica di adrenalina… ma non so quantificare quale delle emozioni sia più intensa e non sarei in grado di scegliere. Poi mi piace essere un personaggio poliedrico e mi trovo a mio agio in tutte le situazioni. Il rapporto con i fans è improntato ad un autentico piacere: ogni volta che posso rispondo ai messaggi di chi mi scrive o prendo un caffè con qualche fedele ammiratore. Ogni giorno per me è un buongiorno e colgo l’occasione per augurare altrettanto a tutti quelli che mi seguono.

Cosa ti piace invece in modo particolare quando giri film porno? Quali sono le tue scene e i tuoi generi preferiti? E gli attori preferiti? E perché?
Su un set quello che mi condiziona molto è il clima che si respira. Quando mi rapporto con dei professionisti e c’è una chiara suddivisione dei ruoli diventa facile anche girare un kolossal. Come SpicyLab e quindi come produttrice, abbiamo puntato proprio su questo: ciascuno di noi quattro (Io, Capitano Eric, Luna Dark ed Alabor) è in grado di ricoprire quasi tutti i ruoli, dal fotografo al regista allo sceneggiatore ed attore ed ogni volta interpretiamo un ruolo differente davanti o dietro la videocamera per offrire il meglio agli affezionati delle nostre scene che stanno diventando sempre di più e mettere a proprio agio tutti gli artisti che si avvicendano nella nostra squadra. Scene e generi preferiti? Mi piacciono le situazioni movimentate, che iniziano con erotismo e si trasformano in momenti di spasmodico godimento. Con almeno un paio di bei maschioni, come nel film Vendetta Anale. Attori? Mmmm… Capitano Eric a parte, mi piacerebbe tornare a girare con Luca Ferrero e Joel Thomas, ma anche Chris Diamond, Mike Angelo

Qual è un tipo di film o di scena che vorresti girare, ma che non hai ancora fatto? E perché lo vorresti fare?
Mi sono sperimentata con un po’ tutte le mie fantasie erotiche ma… quello che ancora mi manca è una black gang… credo che la mia pelle molto chiara ed il colore vivace dei capelli spiccherebbero molto in mezzo a quattro o cinque corpi scuri e scolpiti nel marmo…

Raccontaci un aneddoto molto particolare, curioso, insolito che ti è capitato nel tuo mondo (in un locale o in una fiera o sul set di un film)
Sorrido ancora pensandoci. Giravamo “La moglie dell’assessore“, uno spin off di Camorra XXX. C’era una scena di violenza di gruppo nel mezzo delle campagne romane, quando l’elicottero dei carabinieri ha cominciato a volteggiare minaccioso ed inquisitorio su di noi. Tutti nudi come eravamo, quattro maschioni ed una donna scarmigliata e discinta, abbiamo cominciato a correre come forsennati verso la hummer che ci aveva portati fin lì inseguiti da regista, operatore delle luci ed editore. Come in una grottesca parodia del girone dantesco dei lussuriosi… Ci avranno visti?

Immaginiamo che se hai scelto questo lavoro è perché ami il sesso e l’esibizionismo. Come vivi il sesso e la tua indole esibizionistica anche nella vita privata di tutti i giorni? Raccontaci per bene che siamo curiosi, magari con un esempio.
Non credevo di essere esibizionista fino a quando non mi sono ritrovata per la prima volta da sola su un palco. E’ stato appena tre anni fa. Fino a qualche mese prima trascorrevo le giornate a scrivere di politica, cronaca, cultura… Cosa ci facevo lì sopra? Perché proprio io? Ma poi mi sono detta “perché no?”… Ho chiuso gli occhi ed ho prestato orecchio alla musica. Ho allungato la mano per stringere la mano di Eric tesa verso di me ed è cominciato tutto: è stato il nostro primo spettacolo di sesso dal vivo davanti alle centinaia di visitatori che affollano ogni anno la fiera ErosPorto. L’inizio di tutto.

Progetti a medio e breve termine?
A medio termine mi sto concentrando sulla mia figura di donna e di artista: quando SpicyLab era un laboratorio alle sue prime scene mi sono dedicata anima e corpo a questo impegno. Oggi non gli do meno spazio ed attenzione ma ho imparato a gestire meglio il tempo e grazie alla preziosa collaborazione di tutta la squadra Spicy posso concentrarmi anche su me stessa e su altri piccoli grandi traguardi. Quelli a lungo termine: far diventare sempre più grande SpicyLab ed il porno made in Italy e…. Inaugurare prestissimo a Torino il nostro sexy shopLa bottega dei desideri by Mary Rider e Luna Dark“.

Noi ringraziamo ed abbracciamo molto calorosamente Mary, che continueremo a seguire nella sua sfavillante ed eccitante carriera. A presto!

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *