Roberta Gemma e Beatrice Reyes per un sexy Halloween

SONY DSC Lo scorso 31 Ottobre è stata per me ed il fotografo Loris Gonfiotti l’occasione di ritornare al Sexy Disco Excelsior, dopo la positiva esperienza di qualche mese fa e l’incontro con Zelica Martinelli.
Troppo ghiotta la possibilità di incontrare nella stessa sera una storica amica di BE! Magazine, Roberta Gemma, ed una sexystar di cui ad entrambi avevano detto un gran bene, Beatrice Reyes. Sia con Beatrice che con Roberta concordiamo dunque un’intervista e ci rechiamo all’Excelsior forti delle loro promesse.

Arriviamo ancora una volta ad inizio serata e mi colpisce subito la gentilezza del proprietario e di tutto lo staff, capace di farmi sentire uno di casa già alla mia seconda presenza.
Noto che la serata dell’assenza di Sara Tommasi era stata anomala sotto molti aspetti: ad esempio, stavolta, il momento in cui le prime ragazze debuttano sul palco è riservato a pochi intimi, i fedelissimi già presenti ad un orario che per il popolo della notte è ancora ben lontano dall’essere quello di punta. Riusciamo a girare il locale con tutta calma, ad informarci sul programma, a prender posto in prima fila e a guardarci intorno.
Scopro che il titolare è un vero perfezionista, si preoccupa personalmente degli ultimi ritocchi alla complessa scenografia, spostandone alcuni elementi di pochi millimetri… scommetto che voi invece vi concentrate solo sulle ragazze, eh?
0002-Beatrice-Reyes_Loris-Gonfiotti_4Invece la scenografia della serata è atipica e merita una menzione. Halloween è l’ovvio tema e dunque non mancano bare, croci, scheletri, strumenti di tortura e scope di saggina. Anche le sexy girls, seppur svestite come il pubblico si aspetta, interpretano tutti i tòpos del sexy terrore: vampire, angeli, diavoli, zombi, streghe e via dicendo. Sarebbero perfette per il casting di uno di quegli splatter erotici che andavano di moda negli anni ’70… peccato che nessuno li produca più.
In tema di cinema, al locale è presente anche un bravissimo truccatore, che in tempi di record trasforma in tema horror chiunque capiti sotto le sue grinfie, imbruttendo diverse spogliarelliste… e rendendo più belli il sempre simpatico vocalist Alex ed alcuni spettatori volontari.

Ci godiamo lo spettacolo per un po’ di tempo, con Loris che non tiene a freno la sua passione per la fotografia e realizza diversi scatti, pur consapevole che non li avrei pubblicati qui.
Poi ci accorgiamo che è arrivata Beatrice e saliamo in Vip Room. Ci presentiamo, attendiamo che si liberi di un precedente impegno ed è tempo di iniziare l’intervista. Beatrice dal vivo è senz’altro meglio che in alcuni suoi scatti forse troppo photoshoppati che avevo visto e si crea subito il giusto feeling, che fa viaggiare l’intervista sui binari della conversazione tra amici.0003-Beatrice-Reyes_Loris-Gonfiotti_1

 

Ciao Beatrice, di cosa ti va di parlare?
Mmm… non so, del mutuo? (ride)
0004-Beatrice-Reyes_Loris-Gonfiotti_2
No, mi sa che è meglio concentrarci sul tuo lavoro, dài… Innanzi tutto, sei venuta apposta dalla Spagna per questa serie di spettacoli al Sexy Disco Excelsior?
Sì, prima avevo una casa in Italia ed una in Spagna, mentre adesso ho solo quella in Spagna, ad Alicante. Viaggio comunque moltissimo, il mio lavoro è in Italia e ci torno con regolarità.

Una sexystar spagnola in Italia è un’anomalia…
(sorride) E infatti molti non ci credono! Mi dicono che ho l’accento romano o che sono dell’Est Europa come molte altre, ma in realtà sono davvero spagnola, con un 50% di sangue tedesco.

Come mai lavori solo in Italia, non ti piacciono i locali spagnoli?
0005-Beatrice-Reyes_Loris-Gonfiotti_5I locali come l’Excelsior, in cui si ha un rapporto così stretto con il pubblico, seppur rimangano “puliti”, esistono solo in Italia. In Spagna non ce ne sono e neanche nel resto d’Europa… Sai, una volta Riccardo Schicchi mi aveva procurato uno spettacolo a Zurigo… Ma il locale era esattamente del tipo che state pensando adesso! Ho fatto il mio spettacolo classico e sono scappata via.

Parli bene dell’Excelsior, sei di casa qui?
Ci vengo spesso e per me è come una famiglia. Ultimamente una parte dello staff è stata rinnovata, ma conosco molto bene il proprietario e molta gente che lavora qui, sul palco e non. C’è un’atmosfera unica e le ragazze sono bellissime…

(durante l’intervista veniamo più di una volta interrotti da ragazze che si fermano a salutare Beatrice, come si saluta un’amica che non si vede da troppo tempo)

Come hai iniziato a fare questo lavoro, lo facevi già in Spagna?
No, sono venuta in Italia e ho iniziato posando come fotomodella, un lavoro che negli ultimi anni ormai si fa quasi per passione, visto che non rende assolutamente niente.
In quel periodo ho conosciuto Riccardo Schicchi, che mi ha presa nella sua agenzia
Diva Futura e trasformata in una sexystar.
Ad un certo punto io e Riccardo abbiamo separato le nostre strade e ho iniziato ad uscire con Brigitta Bulgari, con la quale ho fatto diverse serate. Posso dire che le tre persone più importanti per la mia carriera sono state Riccardo Schicchi, Eva Henger e Brigitta Bulgari.

0006-Beatrice-Reyes_Loris-Gonfiotti_7
E di chi tra i tre hai il miglior ricordo?
Senza dubbio Brigitta, abbiamo fatto tante cose insieme… Abbiamo girato l’Italia, siamo rimaste senza benzina sulla stessa auto… Anche se lei adesso ha cambiato vita, i tanti ricordi in comune rimangono.

Tu sei una sexystar ma non una pornostar, non hai mai girato un film porno. Come mai questa scelta?
Beh, ma perché ormai è finita l’epoca delle pornostar. Con internet, si girano sempre meno film e c’è meno mercato, non esiste più né il “mito”, né i guadagni delle pornostar di una volta. Continuo a fare i miei spettacoli spinti e so che la gente preferisce pagare un biglietto per un mio spettacolo (magari abbastanza economico come qui all’Excelsior) piuttosto che acquistare un mio eventuale film.

Possiamo rimanere in contatto con te via internet?
Sì, ho i miei profili su Facebook e Twitter, tramite i quali i miei fans possono scoprire le date degli spettacoli imminenti.

Quest’anno niente calendario?
No, mi spiace, l’ho fatto per due anni di fila e quest’anno non mi è arrivata una proposta che mi convincesse.0007-Beatrice-Reyes_Loris-Gonfiotti_3

 

Chiudo l’intervista con Beatrice e la lascio prendere accordi con Loris per lo shooting da realizzare, proprio le foto che vedete in questa pagina… Direi che hanno fatto un buon lavoro, no?
Mi guardo in giro e scopro che nel frattempo è arrivata anche Roberta Gemma. Si trova nel “palco d’onore” (quello visibile dalla platea) e firma foto per i fan che fanno la fila per parlarle. A due anni di distanza dal nostro primo incontro, la trovo in gran forma, ha un fisico più asciutto e la semplicissima coda di cavallo che ha scelto per l’occasione ne valorizza il viso.
Troviamo quindi modo di far qualche domanda anche a lei.0008-Roberta-Gemma

 

Sei reduce dal Venus di Berlino, la grande fiera europea che in passato ti ha dato moltissime soddisfazioni. Com’è andata quest’anno?
SONY DSCMolto bene, la fiera ha ripreso di nuovo la sua immagine maestosa come i primi tempi e vista l’ultima di Las Vegas che invece si riduce sempre più, direi che il Venus si è consacrata come grande fiera mondiale. La serata di gala è stata stupenda, in un bellissimo teatro di Berlino dove sono stata richiamata alle nomination e ho ricevuto anche quest’anno l’award “the best cross over international star“, cioè “la migliore al di sopra delle star intenazionali”.

Presentaci una delle novità dell’anno, le tue Gemme! Chi sono?
Le novità dell’anno… Dopo aver ricevuto l’award come migliore attrice europea, sono stata contatta da Brazzers, la casa di produzione numero uno in America che è a circolo chiuso per le americane. Venivo definita “la Sofia Loren del porno” e da qui il grande regista Mario Salieri, fermo da diversi anni dopo la saga di Concetta Licata con Selen, colse questa opportunità di ritornare a produrre, chiedendo la mia partecipazione affiancata al suo nome, perché riteneva che il mio nome fosse di slancio per lui: cosi è stato.
SONY DSCPresa coscienza di ciò e avendo confermata anche la mia capacità di fare il tutto esaurito nei locali dove mi esibisco in ogni circostanza, ho ben pensato di essere io rappresentante di me stessa; i locali che mi conoscono si affidano a me per consigli e ingaggi, un po’ come se fossi il
Gambero Rosso dei locali e delle situazioni erotiche. (ride) Per questo ho creato il ClubGemma, prima con la produzione a Miami del mio ultimo film “Roberta Gemma a Miami” e poi con il lancio di ragazze esclusive, tra cui Patricia G. Stone, una vera modella dell’ambito glamour, una vera bellezza mai vista prima sui palchi erotici.

Hai avuto l’idea dopo averle conosciute o hai fatto una sorta di casting?
No, nessun casting, si propongono da sole e io spesso lascio tutto al caso: non vado a ricercare un’artista, ma se mi ha lasciato un segno o mi ha colpita significa che mi piace, un po’ come un colpo di fulmine.

Altre ragazze ti hanno contattata per diventare gemme? La squadra si allargherà?
Sì, ma non intendo inflazionare questa situazione… Io in carriera non ho mai accettato di tutto pur di apparire e voglio che così facciano anche le gemme che, in quanto tali, devono essere proprio delle pietre preziose.

Una volta ti abbiamo incontrata in una fiera erotica, stavolta in un locale. Dal punto di vista della star, che differenze ci sono tra le due esperienze?
La star è sempre la stessa anche quando va a fare la spesa, il problema è che oggi molte senza meriti, senza perché si autoattribuiscono la definizione di star, che sia pornostar o sexystar, non capiscono la differenza. Una volta ho conosciuto una ragazza che si presenta e mi fa: “io faccio la pornostar” (sorride) …ma che significa? Forse farai l’attrice porno, come molti fanno gli attori del cinema, ma non tutti sono star del cinema, così non tutti sono star del porno. Questa disinformazione ha creato anche molta crisi, perché in realtà c’è crisi di star, cioé di nomi veri e riconosciuti come tali che fanno la differenza e che come tali sono nomi che attirano l’interesse di chi è cultore… qui basta che una fa un film e si definisce star del porno, o addirittura basta che faccia spettacoli spinti per definirsi una pornostar! (ride)
SONY DSCBrigitta Bulgari insegnava: nello spettacolo passeggiava sul palco ma il locale era a prescindere pieno, perché il suo nome da star era un nome conosciuto e quindi trascinava gente nel locale… bastava la sua fama per il successo della serata.

Quest’anno abbiamo visto più di una pornostar annunciare il proprio ingresso in politica. Cosa ne pensi?
Hai intenzione di provare anche tu in futuro l’esperienza in politica?

(ride) La mancanza di originalità si vede anche in questo: i giornali annunciano la pensione da parlamentare di Ilona Staller e tutte pensano di trovare una svolta! Ilona Staller è un personaggio veramente colto e forse è stata l’unica che in Parlamento qualche cosa ci capiva… mi è capitata in un’intervista radiofonica, io ero ospite in studio e lei collegata telefonicamente… i conduttori andavano a ricercare le questioni più disparate da domandare, anche cercandole sul web, e lei su due piedi sapeva rispondere a tono.
A me era stato proposto: girando un film horror in una cittadina alle porte di Roma per quasi un mese, si presentò dopo qualche settimana il sindaco, una donna di origini ortodosse, che arrivò sul set esclamando “
chi è Roberta Gemma, più conosciuta di me nel mio paese?“. Mi ha conosciuta in un mese di permanenza sul set e mi portava simpaticamente gli inviti delle manifestazioni comunali e ridendo e scherzando mi disse che alle prossime candidature mi voleva al suo fianco perché avevo molti fans e apprezzamenti dai cittadini. Ora, per scherzo o sul serio io non mi interessai, proprio perché sono cosciente delle mie capacità, sono una star del porno e non voglio prendere in giro nessuno, tantomeno me stessa.

SONY DSC L’altro fenomeno recente è quasi opposto: (pseudo)vip che si cimentano in scene porno. Che te ne pare?
Conosco i personaggi e ne sto bene alla larga… Per fortuna il porno non ha confini e io mi rapporto con il resto del mondo, ma in Italia siamo veramente alla deriva anche grazie a questi. Alle volte si dice che in Italia ci sono ipocrisia e falso perbenismo perché c’è la Chiesa, io invece rispondo sempre che per fortuna c’è la Chiesa, perché certe volgarità si vedono solo in Italia. Basti considerare che alle fiere del settore, come il Venus o gli AVN a Las Vegas, l’Italia vantava la presenza di quasi 8 case di produzione, mentre da alcuni anni non ce n’è una e vengo chiamata io alle nomination a rappresentare l’Italia nel mondo.

C’è un vip o una vip con cui ti piacerebbe girare una scena?
Assolutamente no, forse non riuscirei mai a competere con loro, io ho dei limiti… (sorride) Per questo ho anche discusso con Mario Salieri e rinunciato alla proposta di un altro film in cui avrei girato con attori molto più grandi di me. Con attori non di mio gradimento, non riuscirei a dare il meglio in scena.

Dall’ultima intervista ad oggi, il tuo rapporto con internet è molto cambiato, hai un sito con un’area privata ricca di contenuti esclusivi per i tuoi fans. Hai deciso di provare a battere la pirateria offrendo un modo più semplice per vedere scene hard?
Sì, non avevo mai avuto un vero sito prima, eccetto quelli falsi della mia ex casa di produzione, costruiti sulla mia immagine e il mio nome. In realtà il mio sito ufficiale www.robertagemma.it è stato aperto solo a febbraio di quest’anno ed è già in vetta alle classifiche mondiali. Si è trattato di una necessità che prima non avevo, interagendo già con i miei fans o comunque con chiunque volesse sapere di me e seguirmi negli eventi, usando i social network come Facebook oggi e Myspace a suo tempo, tanto che anche testate come Repubblica dedicarono un articolo alla mia popolarità sul web. Denise Milani al suo passaggio in Italia per vacanza volle incontrarmi perché anche lei in America viveva questo fenomeno ed era incuriosita da me. Purtroppo l’invidia è una brutta bestia e guarda caso i vari social, che sono comunque una testimonianza di popolarità democratica come le visualizzazioni su youtube, mi venivano chiusi di volta in volta per segnalazioni, per cui decisi di aprire il prima possibile il mio sito web in modo da dare ai miei fans un contatto ufficiale e stabile per seguirmi. Oggi il mio profilo personale su facebook è stato bloccato per segnalazioni senza apparente motivo, ma nonostante tutto ha 125.000 utenti iscritti agli aggiornamenti, mentre esistono profili falsi e con immagini pornografiche o altri con ragazze avvenenti nude per racimolare contatti

0013-Roberta-Gemma_Miami Quali sono le ultime novità ed anticipazioni sul tuo lavoro in ambito hard?
Produrre per me stessa come fanno gli Americani con i propri siti. Internet non ha fatto crollare il mercato, anzi, ha reso il mercato più democratico: a suo tempo ogni produzione aveva la sua distribuzione e come si dice a Roma “se la suonava e se la cantava”, tanto da fare buone vendite anche riprendendo una sedia sopra ad un’altra, perché gestendo la distribuzione imponevano il prodotto al fruitore. Con il web invece ognuno può direttamente ricercare l’artista che desidera, non deve fare strada, non deve comprare una videocassetta per nasconderla a casa con scritto “Italia – Germania” per camuffarla nella libreria del salone di casa… (ride) Basta un clic per raggiungere l’artista preferita, che sia americana, asiatica o europea, direttamente sul suo spazio privato e riservato, il pc. Quindi si tagliano tra l’altro le spese di creazione del prodotto finito e soprattutto dell’eventuale distribuzione pilotata. Se dico che Brazzers, un colosso cresciuto sul web, ha assorbito anche Playboy, ho detto tutto.

E al di fuori del mondo del porno, dove potremo vederti?
Paradossalmente ho fatto molto di più al di fuori del porno, come i film di Domiziano Cristopharo, prima House of Flesh Mannequins (vincitore di 6 festival internazionali) come special guest e poi come protagonista Bloody Sin, con attrici come Elda Alvigini e Maria Rosaria Omaggio nel cast. Sono stata testimonial di un canale televisivo, ho fatto teatro… quindi vediamo cosa ci riserva il futuro!

Salutiamo Roberta e ci guardiamo intorno… L’orologio segna circa l’1.30 ed il panorama è radicalmente cambiato: adesso il locale è pieno senza ombra di dubbio! Non c’è la calca di quella famosa notte di fine Giugno, non si è costretti a stare appiccicati al proprio vicino, ma i tanti posti a sedere sono praticamente tutti occupati, quando gli spettacoli delle due star della serata non sono ancora imminenti.
Noi purtroppo dobbiamo andar via ancora una volta presto (Roberto, che da sempre accompagna Roberta, ci prende simpaticamente in giro…) e non possiamo raccontarvi cosa le due meraviglie abbiano fatto sul palco. Dunque il nostro racconto si chiude qua, con la promessa di tornare ancora all’Excelsior… e magari resistere un po’ di più.0014-Beatrice-Reyes_Loris-Gonfiotti_6

 

Le foto di Beatrice Reyes sono di Loris Gonfiotti, quelle di Roberta Gemma ci sono state fornite dalla stessa Roberta (e alcune sono di Roberto Giulianelli).

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *