L’afrodisiaca Giglian

La terza Stella dell’Eros che BE! Magazine incontra è Giglian, altro volto noto ai telespettatori insonni, che la vedono esibirsi settimanalmente sugli schermi di Fuego TV e La9. In questa intervista, la bionda sexystar si racconta a 360 gradi, senza reticenze o ipocrisie, dimostrandosi una ragazza che non ha peli sulla lingua. Il rapporto coi fans, con le pornostar, coi fotografi e le iniziative al di fuori degli strip, tutto viene raccontato con grande naturalezza. Vi auguro come di consueto buona lettura e vi invito a lasciare un commento, se l’intervista risulterà di vostro gradimento.

Benvenuta su BE! Magazine. Giglian non è il tuo vero nome; come è nato questo nome d’arte così esotico ed originale? Che storia c’è dietro?
Il nome esiste, in America è molto usato. L’ho sentito in un film quando ero adolescente e mi è rimasto impresso!

 

Molti dei lettori che arriveranno su questa pagina da una ricerca su Google ti avranno probabilmente vista in uno show notturno e staranno cercando informazioni sui tuoi film hard o film lesbo… Non teniamoli a lungo nel dubbio: è vero che non ne hai fatti?
Esatto, non ne ho mai fatti e non intendo farne

Ma allora non è solo perché sei ancora molto giovane… possiamo dunque escludere che ne farai in futuro?

Non ne farò mai in quanto non è il mio stile: sono troppo elegante e raffinata per scendere così in basso. Non mi emozionano i film hard, sono freddi e mi ricordano la donna sottomessa!

Giglian-Alex-De-VreeQuello che invece hai senz’altro fatto sono appunto gli show notturni su canali come La9 e Fuego TV. Che atmosfera si respira su quei set e in quelle piccole televisioni che però trasmettono anche all’estero?
Si sta benissimo. Lavoro per una ditta che acquista spazi su La 9, mentre Fuego TV è il loro canale di proprietà; faccio 2-3 dirette a settimana e ora sono la loro artista numero uno (perché lo dicono loro, ovviamente)… È un lavoro a tutti gli effetti

Sporadicamente ti abbiamo vista esibirti in questi show in coppia con un’altra ragazza. C’è un clima diverso rispetto ai ‘solo show’? Si crea un po’ di competizione tra le due ragazze o c’è complicità?
È successo di rado, due volte in due anni di dirette, su richiesta della ditta, ovviamente. Da parte mia non c’è competizione, in quanto mi sento già ben superiore a certe artiste; non parlo di bellezza, ma di altro…

Se la memoria non mi inganna, una delle tue partner televisive è stata Lea Di Leo. È ‘matta’ (nel senso buono del termine) come appare in tv?
Con Lea Di Leo ho lavorato una sola volta, quand’ero all’inizio. Non mi piace come persona, è opposta a me, troppo volgare. Il suo successo è dovuto appunto alla sua bocca sporca, io non ne andrei fiera!

Con l’applicazione della legge Gasparri, le regole sugli spettacoli televisivi notturni sono diventate più restrittive. Cos’è cambiato per voi artiste?
Niente, anzi per me è meglio, non devo più togliere le mutandine e questo mi fa tenere la mia dignità alta; prima era esagerazione allo stato puro, cetrioli, zucchine… insomma troppa volgarità per il mio carattere

Delle tante chiamate che hai ricevuto, ce n’è una che ti è rimasta impressa per la particolarità della richiesta o della persona al telefono? Ce la racconti?
Sono tutte abbastanza sconvolgenti come chiamate, c’è troppa perversione, al punto da diventare malattia per tante persone. La telefonata più brutta è stata quella di un uomo che mi confidava di andare a letto con sua figlia, in quanto vedovo, e mi chiedeva consigli… Direi piuttosto scioccante!giglian_alex-de-vree_21

Oltre alle dirette (e pseudo-dirette) televisive, fai anche degli spettacoli dal vivo nei migliori locali notturni d’Italia. Com’è strutturato un tuo show?
Sì, ovviamente mi esibisco come ospite in tutta Italia; mi piace molto esibirmi in quanto sono di natura esibizionista, poi mi piace il contatto con il pubblico, il calore con cui spesso mi accolgono. Il mio show al contrario delle dirette è piuttosto spinto e hard, ma questo perché lo richiedono i locali… però ho la capacità, come mi riferiscono tanti clienti, di eseguirlo comunque in modo elegante

Noti delle differenze tra gli spettatori nelle varie zone d’Italia? Oppure la differenza maggiore la fa l’orario o… il tasso alcolico nel loro sangue?
No, l’alcol in questo tipo di locali non va molto, sicuramente ci sono zone più in campagna o comunque bigotte dove il pubblico è più viscido e altre zone, tipo Milano, Padova, Verona o altre grandi città, dove si conoscono anche persone piacevoli e interessanti…

Una delle cose per cui ti distingui tra le sexystar è il seno, magari non piccolo, ma diciamo ‘normale’. Ti senti di garantire che non ricorrerai alla chirurgia per rifarlo?
Sinceramente ci sto pensando. Questo perché il mio seno al tempo era una terza piena, ma dopo la maternità è rimasto così! Vorrei ricorrere quindi alla chirurgia, ma sicuramente per tornare come in passato, non per esagerare

Giglian-Alberto-BuzzancaIl vantaggio di non avere un paio di tette esagerate è che il fisico incredibile che ti ritrovi risalta di più, soprattutto il tuo fantastico ‘derriere’. Qual è il segreto per mantenerlo? Dieta? Palestra? Esercizio fisico?
La mia fortuna è quella di aver fatto ben 13 anni di ginnastica ritmica a livello agonistico: è uno sport molto duro e comporta molto sforzo fisico, inoltre forma i muscoli in modo particolare, dando a tutto il corpo caratteristiche che in una donna sono essenziali. Ora da anni non faccio attività fisica, sono così di costituzione, anche se mi piacerebbe avere un po’ di tempo per fare qualcosa… lo sport mi piace molto. Sicuramente però non sono una mangiona: il cibo non mi piace, mangio sporadicamente, sto anche tre giorni senza cibarmi, non sento la fame!

Oltre ad essere sexystar, sei anche modella per foto artistiche; è un’esperienza che ti diverte tanto quanto esibirti?
Ho iniziato facendo la modella, dai fotoamatori ai professionisti, mi piace molto posare e a detta dei fotografi sono molto brava. È sicuramente più dura: tante ore di trucco, parrucco e poi foto stancano molto, però fatto sporadicamente mi piace. Sicuramente proverei più soddisfazione a posare per qualche campagna pubblicitaria, ma…

Ma i fotografi ti prendono seriamente o hanno un po’ ‘la puzza sotto il naso’, quando scoprono che di notte hai il potere di fare eccitare gli uomini a distanza?
Non c’è bisogno che si sappia che lavoro faccio… Questo vale sia per i fotografi che per chiunque altro, avere un bel corpo ha i suoi lati negativi, tutti ci provano e soprattutto provano a portarti a letto senza pensare che hai anche un cervello, delle emozioni, dei sentimenti… Questo è molto brutto!

E a proposito di ‘puzza sotto il naso’… Hai partecipato alle selezioni per Miss Italia! Ma era una provocazione o ti saresti davvero trovata a tuo agio, in mezzo ad altre 100 ragazze conciate in modo da sembrare le più uguali possibili?
Miss Italia è stato un gioco. Non l’ho mai guardato in vita mia, non mi piacciono queste cose dove tutte vogliono sembrare famiglia e chiesa e poi… Però dopo aver passato la selezione provinciale, sai, inizi a sentirti competitiva e vuoi proseguire. Inoltre le selezioni sono dure: tante sfilate in passerella, balletti vari, l’emozione… Mi sentivo a mio agio in quanto Giglian è solo una parte di me

giglian_alberto-buzzanca_31Però è finita male, perché alcune ragazze ti hanno riconosciuta come ‘Giglian de La 9’ e segnalata, facendoti espellere dal concorso. Secondo te avevano paura che le battessi o che infangassi il buon nome di Miss Italia?
Penso nessuna delle due cose! Spesso le persone devono trovare come occupare il tempo… Di sicuro c’è che mi sono arrabbiata molto, perché cominciavo a tenerci, almeno a proseguire, anche se magari senza speranze. Però l’importante è partecipare e questo diritto mi è stato negato, a causa della stupida moralità italiana!

Ma c’è più competizione e colpi bassi tra le aspiranti miss o tra le sexystar?
Tra sexystar non c’è competizione, anche perché sono l’unica, tutte le altre artiste sono pornostar. Alcune sono molto invidiose di me, altre al contrario mi stimano e mi chiedono amicizia su Myspace!

Vedo che sei anche testimonial di un afrodisiaco, le compresse Erotika… Ma è vero che hai fatto da cavia per testarne l’efficacia? Chissà la gioia del tuo compagno…
In realtà Erotika è mia, è un prodotto che ho inventato io, pagato io e che vendo io; l’ho voluto pensare per la coppia, dato che tante persone divorziano proprio per motivi sessuali. Il mio prodotto stimola l’eros, diciamo che sostituisce il Viagra e non fa male, non ha nessuna controindicazione, in quanto la composizione l’ho fatta proprio io con piante afrodisiache. Purtroppo tanti giovani prendono il Viagra anche senza averna bisogno, senza conoscere le controindicazioni… Il mio prodotto vuole sostituirlo in modo sano e divertente

Di afrodisiaci ne ho visti tanti, ma questo è forse il primo che è pensato anche per le donne… Che sia il segno di una parità tra i sessi finalmente raggiunta?
È giusto ammettere che noi donne sentiamo il bisogno di fare sesso proprio come voi uomini, l’unica differenza è che non lo ammettiamo, tranne me. Questo purtoppo perché la donna a cui piace far sesso e lo dice viene chiamata volgarmente puttana, ma io ho voluto pensare pure alla donna!

Sei mamma di due gemelline. Come riesci a conciliare gli impegni di mamma con un lavoro che ti porta spesso in giro per l’Italia?
Ho una governante fissa che vive con me, altrimenti non potrei lavorare, poiché separata e senza la presenza di un padre

Hai molti corteggiatori? Li spaventa di più sapere che sei mamma o che sei spogliarellista?
Sì, ho molti corteggiatori e non li spaventa tutto ciò, dato che sono interessati solo alle mie parti intime, anche se non nego di aver avuti difficoltà in passato con una relazione seria, finita proprio per gelosia dopo dieci mesi. Ma io non ammetto che nessuno metta bocca nelle mie scelte, non l’ho lasciato fare alla mia famiglia, figuriamoci ad un uomo!!

Cosa puoi dirci del ‘Giglian Show’, uno spettacolo in cui ti abbiamo vista in panni ben diversi da quelli delle dirette telefoniche notturne?
Il Giglian Show è la mia rivincita, il mio modo di mostrare che so fare televisione anche senza spogliarmi. Creare un talk-show senza una produzione, un autore, un finanziatore alle spalle, credo non l’abbia mai fatto nessuno prima, in quanto complesso e costoso, sia in termini di denaro che di energie. Ora questo format è in fase di confezionamento per essere presentato a televisioni più grosse, speriamo con successo!

In conclusione, il mondo dell’eros sembra per te più un punto di partenza che un punto di arrivo. In quale campo dello spettacolo ti piacerebbe affermarti nei prossimi anni?
Ho scoperto, grazie a questo lavoro (o per colpa di esso), che l’eros è in continua crescita e, parlando di business, ho in mente parecchie creazioni, Erotika è solo un inizio. Mi piacerebbe fare l’attrice (di cinema non hard, ovviamente), ma penso ci siano poche speranze, visto che in Italia non si viene valutati per bravura, ma per altro… Sicuramente se il format di mia produzione Giglian Show andrà bene, lavorerò ad altre produzioni, vedremo

Per essere sempre aggiornati sulle ultime iniziative di Giglian e conoscere le date e i luoghi dei suoi spettacoli live, consultate il suo Myspace ufficiale www.myspace.com/giglianla9

Articolo originariamente pubblicato da Styl il 30 giugno 2008.

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *